Questa è RTCB radio, la web-radio che raccoglie tutte le produzioni di www.raibobo.it e www.tuttoilcalcioblog.it
Info aggiuntive sulla licenza musicale
Info e segnalazioni all'indirizzo mail radio@raibobo.it

Dei fuoriclasse delle punizioni

28 febbraio 2011

La nipote di..

27 febbraio 2011

Ormai è dilagante...

Simulazione

26 febbraio 2011

Il rituale delle interviste

25 febbraio 2011

Complimentoni..

Allo stadio succede di tutto

24 febbraio 2011

CineBobo n° 70: Amore e altri rimedi

23 febbraio 2011

Image Hosted by ImageShack.us
Amore e altri rimedi
Voto: 7 e 1/2

Cast: Jake Gyllenhaal, Anne Hathaway, Katheryn Winnick, Judy Greer, Hank Azaria, Oliver Platt, Gabriel Macht, Jaimie Alexander, Megan Ferguson, Natalie Gold, George Segal
Regia: Edward Zwick
Genere: Commedia
Durata: 112 minuti
Produzione: Stati Uniti 2010

Anne Hathaway interpreta Maggie, seducente spirito libero refrattario a qualsiasi legame, compreso quello che considera come una formidabile sfida personale: una relazione stabile.
Trova pane per i suoi denti in Jamie Randall, interpretato da Jake Gyllenhaal, giovane brillante che sfrutta il suo fascino inesorabile e quasi infallibile per farsi strada con le donne e nel mondo di tagliagole del commercio farmaceutico.
L'intensificarsi della loro relazione nel tempo li coglie impreparati, entrambi sorpresi di sentirsi sotto l'effetto della droga per antonomasia: l'amore.
Molte relazioni cominciano dall'amore e arrivano al sesso, questa si muove in direzione contraria, attribuendo al film un senso d'imprevedibilità a partire dal racconto di una storia d'amore inconsueta...

A noi romanticoni questi film piacciono una cifra. Se poi li condisci con due gocce di umorismo (vedere il fratello di Jamie) e con la storia triste che fa da sfondo, beh il piatto è servito
Film molto gradevole, che scivola via senza grossi intoppi.
Consigliato alle coppiette ancora in spirito San Valentino ma anche ai disgraziati single, almeno per si parla di Viagra...
Merita una nota anche il background della storia, nel senso che è ambientata in pieni anni novanta.. e per chi li ha vissuti, è un piacevole effetto

Consigliato... agli amanti del porno home-made
Sconsigliato... a chi odia ricorrere ai farmaci

Ringrazio Giorgia e Gabriele per la visione. Il riassunto della trama è a cura di FilmUp.

Sala Ovale: Italia vs. Resto del Mondo

22 febbraio 2011

Travolti dal caso Ruby, la presunta nipote di Hosni Mubarak che nel tempo libero frequentava i dopocena di Arcore, ci chiediamo sempre più insistentemente quale sia l’immagine che l’Italia offre di sé al Mondo. In poche parole, quanto le marachelle di Silvio Berlusconi suscitano indignazione e scandalo presso le opinioni pubbliche degli altri Paesi nostri amici ed alleati? In realtà, ben poca. Certo, ci sono le inchieste dei grandi quotidiani impegnati, dei settimanali cool, di qualche tv di nicchia. Ma all’uomo medio di Birmingham o alla casalinga di Caen, di quello che il Cavaliere fa a casa sua, di notte, non frega niente. E ci mancherebbe altro. La gente normale pensa come arrivare a fine mese, alla disoccupazione crescente, al costo della vita. Non di certo ai Bunga Bunga presunti o tali. Per carità, Berlusconi fa troppo il viveur, e certe cose un Capo di Governo dovrebbe assolutamente evitarle, specie se tali da creare imbarazzo alle Istituzioni.

Tuttavia, se all’Estero ci guardano un po’ così, come i parenti poveri dell’Occidente, non lo si deve ai comportamenti bizzarri del nostro Premier. E’ qualcosa che ci portiamo dietro da sempre, da secoli, ancor prima di esistere come Nazione unitaria. Poco affidabili, spesso poco seri, troppo giocherelloni. Sono stereotipi radicati nell’essere Italiano, fin da quando spagnoli, austriaci e francesi si dividevano i brandelli della nostra Penisola. Nell’Ottocento, Metternich rifiutava addirittura di considerarci un Paese, preferendo definirci “una mera espressione geografica”; nel primo Novecento le cancellerie europee commentavano i continui “giri di valzer” della nostra politica estera, che alleata dell’Austria non esitava a muoverle la guerra nel 1915. E potremmo anche fare esempi più recenti, ma la sostanza non cambia. E’ una sorta di pregiudizio che porta gli altri a guardarci dall’alto in basso, con sufficienza. 

Fa ridere che i tabloid inglesi facciano gli indignati per i Bunga Bunga quando sulla loro Casa Reale si potrebbe imbastire un porno. E non c’è bisogno di ricordare i casi Clinton-Lewinsky e le orge dei fratelli Kennedy alla Casa Bianca, e neanche i tradimenti vari di Sarkozy. Eppure, alla fine, gli Italiani sono sempre i soliti. In realtà, forse, dovremmo imparare a fregarcene di quanto gli altri dicono di noi. Perché se i cosiddetti intellettuali stranieri hanno tempo da perdere con noi, è solo per sviare dai problemi interni, dalle magagne e dagli imbarazzi che quotidianamente vivono a casa loro. E’ sempre stato così. L’unico problema è che il parente povero è l’Italia. E questo non si può cambiare.

Che minchia di ora è...

21 febbraio 2011

Bobo Hockey: la griglia dei playoff

Martedì 15 febbraio si è disputata l’ultima giornata della Regular Season 2010/2011; giornata che doveva emettere le ultime sentenze in vista della fase più importante del campionato ovvero i play off. Alleghe vince contro l’eterna rivale Cortina la sfida diretta per accedere all’ultimo posto disponibile sul tabellone che conta. Vincendo ild erby per 2 a 1 le civette di Steve McKenna affronteranno nei quarti la dominatrice della prima fase del campionato: il Valpusteria. Per il pluridecorato Cortina è il secondo anno consecutivo che la stagione si chiude anzitempo. Nella lotta a tre per la seconda piazza la spuntano i Campioni in carica dell’Asiago che per giungere a mantenere il titolo dovranno intanto superare un Fassa dalle mille vite. Gli altri due quarti in programma vedranno opporsi il favorito Bolzano ad un mai domo Pontebba e la sfida più agguerrita tra Renon e Valpellice.

Seria A 45° giornata e ultima giornata (15 febbario 2010)
HC Interspar Bolzano - HC Valpellice 4:2 (1:1, 2:0, 1:1)
0:1 Luciano Aquino (0.47), 1:1 Mike Souza (18.14), 2:1 Danny Irmen (32.14), 3:1 Nick Mazzolini (33.11), 3:2 Ryan McDonough (45.52), 4:2 Giulio Scandella (56.16)
HC Pustertal - Ritten Sport Renautl Trucks 4:2 (1:2, 1:0, 2:0)
0:1 Sami Ryhanen (6.16), 0:2 Kevin Baker (8.54), 1:2 Joe Jensen (14.59), 2:2 Lynn Loyns (26.46), 3:2 Matthew Kelly (45.35), 4:2 Taggart Desmet (59.15)
Supermercati Migross Asiago - Aquile Pontebba 6:3 (2:2, 3:0, 1:1)
0:1 Sylvain Dufresne (3.48), 1:1 Matteo Tessari (4.10), 1:2 Andreas Lutz (9.04), 2:2 Filippo Busa (15.03), 3:2 Michael Henrich (20.27), 4:2 Raffaele Intranuovo (32.49), 5:2 John Vigilante (37.04), 5:3 Martin Francis Guerin (45.31), 6:3 Adam Henrich (58.42)
Tegola Canadese Alleghe - SG Cortina 2:1 (1:0, 0:1, 1:0)
1:0 Alberto Fontanive (1.37), 1:1 Mattias Wennerberg (24.06), 2:1 Sabahudin Kovacevic (59.39)


ha riposato: HC Fassa
La classifica dopo l´ultima giornata della regular season:
1. HC Val Pusteria 84 punti
2. Supermercati Migross Asiago 77
3. HC Interspar Bolzano 76
4. Ritten Sport Renault Trucks 74
5. HC Valpellice Arce 59
6. Aquile Pontebba 48
7. SHC Fassa 42
8. Tegola Canadese Alleghe 42
9. SG Cortina 37


Accoppiamenti quarti di finale play off (best of seven)
HC Val Pusteria - Tegola Canadese Alleghe
Ritten Sport Renault Trucks - HC Valpellice
HC Interspar Bolzano - Aquile Pontebba
Supermercati Migross Asiago - SHC Fassa
Eliminato SG Cortina

Buone notizie anche dal fronte della Nazionale. L’EuroChallenge disputato in Norvegia ha evidenziato un Blu Team in condizioni positive per i prossimi Mondiali di prima divisione che si disputeranno in Ungheria a Budapest dal 17 al 24 aprile. La Nazionale vince il torneo europeo di Oslo superando sia i padroni di casa che l’Ucraina. Bestia nera degli azzurri di Rick Cornacchia ancora una volta la Lettonia che due anni fa ci eliminò dalla qualificazione al torneo olimpico di Vancouver 2010.

Norvegia-ITALIA 3-4 (1-1, 0-2, 2-1)

ITALIA-Lettonia 1-7 (0-3, 0-2, 1-2)

ITALIA-Ucraina 3-1 (1-0, 1-1, 1-0)

Classifica EIHC Oslo
1. ITALIA 6 (3); 2. Ucraina p.ti 5 (3); 3. Lettonia 3 (2); 4. Norvegia 1 (2).


By il Feffe … inviato di RaiBobo Hockey

Ma perchè Sanremo è Sanremo

20 febbraio 2011

Si è chiuso il Festival della canzione italiana.
Non posso essere dispiaciuto per il 2° posto dei Modà, solo perchè a vincere è stato il Prof. Vecchioni con una canzone tanto bella quanto impegnata che vi propongo qui a seguire...

Come tradizione RaiBobo.it chiude la settimana col suo pagellone... dando i voti a questa settimana di musica

Voto 10 ai Modà: ripeto quando detto ieri, la migliore canzone da quando, molti anni fa, li ho conosciuti
Voto 9 alla Gialappa's: sono tornati dopo un anno di silenzio, e anche se questa edizione è stata sotto tono, il solo rientro è motivo di lode. E se qualcuno ha notato la miriade di Gufi con gli occhiali dell' ultima serata del Festival... tutto merito loro..
Voto 8 a Vecchioni: non è nelle mie corde ma questa canzone è veramente bella
Voto 7 a Luca e Paolo: gli unici capaci di dissacrare la messa cantata di Sanremo
Voto 6 a Belen Rodriguez: diciamo che pensavo peggio
Voto 5 alla regia di Duccio Forzano: nemmeno le webcam delle radio hanno degli stacchi così di basso livello
Voto 4 al gobbo degli autori: o lo si  mette all' altezza giusta o sembra che ci sia uno stormo di rondini sopra l'Ariston
Voto 3 a Patty Pravo: per l'incapacità di staccarsi dal chirurgo plastico.Siamo ai livelli di Alba Parietti ormai
Voto 2 alla prima fila del pubblico del festival: un concentrato di politici e cda Rai, un festival della prostata di cui faremo decisamente a meno
Voto 1 a Morandi: dispiace dirlo ma la conduzione è veramente di basso livello, mancano i tempi televisivi. Fantastico cantante ma mediocre presentatore
Voto 0 a tutto quel chiacchericcio da parrucchiera che gira interno a Sanremo e che riempie il palinsesto di mezza tv

Menzione speciale a Benigni: sarà retorica ma questa è arte, e se su di lui le polemiche nascono è solo perchè siamo talmente disabituati a sentire cotanta cultura in giro!

Qui finisce lo speciale Sanremo di RaiBobo.it! Noi puntuali torneremo il prossimo anno, mentre da domani riparte la normale programmazione del blog.

I Modà a Sanremo 2011

18 febbraio 2011

Ormai siamo alla fine di Sanremo.
Sabato ci sarà la finale! E vi terremo informare su come votare la nostra band.
Ecco alcune esibizioni di questa settimana

Modà e Emma : Here's to you - La ballata di Sacco e Vanzetti

L'esibizione di venerdì con Francesco Renga

M'illumino di meno 2011

Oggi è il giorno di M'illumino di meno, giornata del risparmio energetico organizzata da Caterpillar, nota trasmissione di Radio 2 Rai.
In questa giornata l'obiettivo è quello di sensibilizzare sul tema del risparmio energetico e delle fonti di energia sostenibili.
RaiBobo.it e Tuttoilcalcioblog.it aderiscono convintamente a questa iniziativa.
E voi cosa potete e dovete fare?
1- SPEGNERE TUTTE LE LUCE E I DISPOSITIVI NON INDISPENSABILI OGGI, VENERDI' 18 FEBBRAIO, DALLE 17.00 ALLE 19.30
2- SEGUIRE SU RADIO 2 LA PUNTATA DI CATERPILLAR OGGI DALLE 17.00
3- LEGGERE QUESTA BREVE DESCRIZIONE DELL'EVENTO QUI A SEGUIRE

Ecco la presentazione dell' evento:
Oggi,18 febbraio 2011 torna M’illumino di meno, la più radiofonica campagna sul risparmio energetico mai escogitata sul globo terracqueo.
La Giornata del Risparmio Energetico 2011, special edition per i 150 anni dall’unità d’Italia, è fissata per il 18 febbraio 2011. Anche quest’anno Caterpillar invita comuni, associazioni, scuole, aziende e case di tutt’Italia ad aderire all’iniziativa creando quel “silenzio energetico” che ha coinvolto le piazze di tutt’Europa negli anni scorsi, per fare spazio, dove possibile, ad un’accensione virtuosa, a base di fonti rinnovabili.

Per il 18 febbraio cerchiamo, contestualmente agli spegnimenti simbolici, accensioni originali di luci pulite a tema tricolore. Turbine, lanterne, Led o biciclette, che alimentino tricolori luminosi su tutto il territorio nazionale. Impariamo a risparmiare, a produrre meglio e a pretendere energia pulita per tutti.

Allo stadio attuale della ricerca tecnologica è già possibile produrre energia con il sole, il vento, il mare, il calore della terreno o con le biomasse. Facendo appello all’inesauribile ingegno italico invitiamo tutti, dagli studenti ai precari, dalle aziende in crisi alle amministrazioni comunali, a misurarsi con la green economy adottando un sistema pulito per spegnere lo spreco e accendere una scenografia tricolore il 18 febbraio 2011. Segnalateci la vostra intenzione di ideare eventi che riuniscano più persone, privilegiando luoghi aperti e pubblici, particolarmente visibili, trovando modi creativi e poco dispendiosi per accendere luci rosse bianche e verdi nelle piazze spente di tutt’Italia, per testimoniare la necessità di una gestione più “illuminata” del nostro futuro.

Nella puntata speciale per M’illumino di meno, in onda il 18 febbraio dalle 17 alle 19,30 dall’interno del Castello di Rivoli, prevediamo collegamenti telefonici con le più prestigiose adesioni all’iniziativa di quest’anno; durante la diretta 150 sindaci s’impegneranno ad amministrare le proprie città con oculatezza nel segno della sostenibilità ambientale. L’idea è quella di sottoscrivere una sorta di “giuramento” per ridurre i consumi e sostenere con ogni mezzo le energie alternative. Tutti con fascia tricolore per l’occasione. Parallelamente, il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli organizzerà un grande evento collettivo nell’ambito del progetto Italiae. 150 eventi in piazza per ri-disegnare l’Italia.

Anche all’estero cercheremo esperienze di razionalizzazione dei consumi e di amministrazioni virtuose dal punto di vista della gestione sostenibile delle risorse energetiche.

Ecco il decalogo fondamentale del risparmio energetico


1. spegnere le luci quando non servono
2. spegnere e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici
3. sbrinare frequentemente il frigorifero; tenere la serpentina pulita e distanziata dal muro in modo che possa circolare l’aria
4. mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l’acqua ed evitare sempre che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola
5. se si ha troppo caldo abbassare i termosifoni invece di aprire le finestre
6. ridurre gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria
7. utilizzare le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne
8. non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni
9. inserire apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni
10. utilizzare l’automobile il meno possibile e se necessario condividerla con chi fa lo stesso tragitto.

CineBobo n° 69: Burlesque

17 febbraio 2011

Image Hosted by ImageShack.us
Burlesque
Voto: 7 e 1/2

Cast: Kristen Bell, Cam Gigandet, Stanley Tucci, Alan Cumming, Eric Dane, Peter Gallagher, Cher, Julianne Hough, Christina Aguilera, Tanee McCall, David Walton, Black Thomas
Regia: Steven Antin
Genere: Musicale/Drammatico
Durata: 116 minuti
Produzione: Stati Uniti 2010

Burlesque è la storia di Ali (Christina Aguilera), una ragazza con una voce bellissima che decide di trasferirsi a Los Angeles da un paesino di provincia per inseguire i suoi sogni. Al Burlesque Lounge, un teatro in difficoltà ma sede di un noto spettacolo di varietà, Ali ottiene un lavoro come cameriera da Tess (Cher), proprietaria e direttrice del club. I costumi trasgressivi e le danze sensuali del Burlesque, affascinano l'ingenua ragazza che si ripromette, un giorno di far parte dello show. Ali conquista l’affetto di Jack (Cam Gigandet) un affascinante barman e musicista che le offre alloggio per un po’, stringe un’amicizia con una ballerina (Julianne Hough) e attira su di se la gelosia di una cantante (Kristen Bell). Quando Ali riesce finalmente a conquistare il palcoscenico, anche grazie all’aiuto del manager della compagnia (Stanley Tucci) la sua voce eccezionale riporta il Burlesque Lounge al suo antico splendore.

Il film si fa ben volere. Esci dalla sala con una gran voglia di cantare e di ballare. Musicalmente nulla da eccepire, basta valutare il cast che abbiamo di fronte! La sempre liscia e sempre eterna Cher (quanta plastica!), la Agulera in forma talmente smagliante da lasciare qualche dubbio, Stanley Ricci che nel ruolo del gay tocca livelli da "Il diavolo veste prada". Non è che ci sia una trama da Oscar dietro, diciamo che lo spettatore e la spettatrice vengono attirati da molte fisicità interessanti! Il cast è più da telefilm che da grande schermo, ma ripeto si esce dalla sala  con il ritmo nelle vene. Anche in questo caso.. consigliatissimo

Consigliato... a chi rimpiange "Genie in a bottle"
Sconsigliato... agli anti-chirurgia plastica! Cher è diventata qualcosa di esagerato!!!

Ringrazio Giorgia e Gabriele per la visione. Il riassunto della trama è a cura di FilmUp.

Arriverà!

16 febbraio 2011



Dopo averla ascoltata mi sono semplicemente commosso.
Oggi esce dopo 3 anni di silenzio anche il loro nuovo album che è già nei miei pod!
Cari lettori di RaiBobo.it, vi avviso che vi tempesterò di Modà da oggi per un bel periodo!

Il più grande Touch Screen

15 febbraio 2011

Giusto per Cava Cava..

14 febbraio 2011

Parto gemellare

13 febbraio 2011

Humor inglese

12 febbraio 2011

Missione impossibile

11 febbraio 2011

... ma non per lo scoiattolino

Sparaflashante!

10 febbraio 2011

Il muro della verità

8 febbraio 2011



Esclusivo: il premier interrompe l'Angelus

7 febbraio 2011

BoboHockey: gli ultimi colpi della stagione regolare

Regular Season 2010/2011 al capolinea; si delineano i playoff.

Una settimana di riposo e poi andrà in scena l’ultima giornata – la 45° - della Regular Season. Sarà una serarta di grande battaglia per delineare la griglia definitiva dei play off. Per ora l’unica certezza è il primo posto del Valpusteria che quindi avrà i diritti di giocare ogni eventuale bella – finale compresa – della “best of seven” sul proprio ghiaccio. È lotta per il secondo posto tra Renon, Asiago e Bolzano e quindi Valpellice, Pontebba e Fassa – già qualificate – devono attendere “in pasto a chi” dovranno andare. Sarà invece derby infuocato tra Alleghe e Cortina per l’ultimo posto disponibile; le civette sono avvantaggiate da due punti in classifica e basterà arrivare all’overtime per avere la qualificazione certa; ma si sa: un derby è una partita a se; e Cortina venderà cara la pelle!

Serie A, 39° giornata (giovedì 20 gennaio 2011)


Aquile Pontebba - HC Interspar Bolzano 6:3 (3:0, 1:2, 2:1)
1:0 Lance Stephen Monych (4.30), 2:0 Jonathan Pittis (16.40), 3:0 Dimitri Lavrentiev (18.18), 3:1 Marco Insam (22.00), 3:2 Rhett Gordon (26.20), 4:2 Martin Francis Guerin (29.02), 5:2 Lance Stephen Monych (43.15), 6:2 Lance Stephen Monych (47.20), 6:3 Mike Souza (59.09)
Ritten Sport Renault Trucks - HC Valpellice 4:1 (1:0, 1:1, 2:0)
1:0 Klaus Ploner (9.29), 2:0 Matthias Fauster (21.21), 2:1 Luciano Aquino (38.52), 3:1 Kimmo Pikkarainen (43.18), 4:1 Ryan Watson (44.29)
Arce Supermercati Migross Asiago - HC Val Pusteria 2:0 (0:0, 0:0, 2:0)
1:0 Raffaele Intranuovo (53.03), 2:0 Adam Henrich (54.25)
SG Cortina - SCH Fassa 4:2 (1:0, 2:1, 1:1)
1:0 Lino De Toni (16.55), 2:0 Michele Zanatta (24.36), 3:0 Jesse Schultz (29.46), 3:1 Diego Iori (39.18), 4:1 Daniel Branda (49.58), 4:2 Rudi Locatin (59.20)


ha riposato: Tegola Canadese Alleghe


Serie A, 40° giornata (giovedì 27 gennaio 2011)


HC Interspar Bolzano - Supermercati Migross Asiago 1:3 (1:2, 0:0, 0:1)
0:1 Matteo Tessari (4.51), 1:1 Marco Insam (12.07), 1:2 Layne Ulmer (17.48), 1:3 Federico Benetti (58.50)
HC Val Pusteria - Tegola Canadese Alleghe 3:2 (1:1, 0:0, 2:1)
1:0 Matthew Kelly (8.48), 1:1 Niklas Anger (14.36), 2:1 Patrick Bona (40.23), 2:2 Peter Sarno (49.34), 3:2 Max Oberrauch (51.16)
SHC Fassa - Aquile Pontebba 2:1 d.t.s (0:0, 0:1, 1:0, 1:0)
0:1 Sylvain Dufresne (38.01), 1:1 Diego Iori (51.54), 2:1 Stefano Margoni (61.55)
HC Valpellice Arce - SG Cortina 4:7 (2:1, 1:3, 1:3)
1:0 Anthony Aquino (0.33), 2:0 Ryan Mc Donough (2.19),, 2:1 Jonas Johansson (12.48), 3:1 Luciano Aquino (22.01), 3:2 Jesse Schultz (23.14), 3:3 Jesse Schultz (33.15), 3:4 Mattias Wennerberg (37.36), 3:5 Daniel Branda (44.07), 3:6 Jonas Johansson (48.19), 4:6 Marco Pozzi (59.14), 4:7 Lino De Toni (59.47)


ha riposato: Ritten Sport Renault Trucks


Serie A, 41° giornata (sabato 29 gennaio 2011)


Tegola Canadese Alleghe - HC Interspar Bolzano 2:3 d.t.r. (1:0, 0:1, 1:1, 0:0)
1:0 Peter Sarno (8.19), 1:1 Giulio Scandella (33.14), 2:2 Fabrizio Fontanive (58.03), 2:3 rigore decisivo: Marco Insam
SG Cortina - Ritten Sport Renault Trucks 3:1 (0:1, 2:0, 1:0)
0:1 Ryan Watson (17.36), 1:1 Giorgio De Bettin (26.47), 2:1 Mattias Wennerberg (31.13), 3:1 Jesse Schultz (56.34)
Aquile Pontebba - HC Valpellice Arce 4:1 (3:1, 0:0, 1:0)
1:0 Sylvain Dufresne (9.24), 2:0 Luca Rigoni (10.04), 2:1 Anthony Aquino (14.33), 3:1 Luca Felicetti (19.21), 4:1 Patrick Rizzo (49.38)
Supermercati Migross Asiago - SHC Fassa 2:1 (0:1, 2:0, 0:0)
0:1 Bradley Smith (6.02), 1:1 Layne Ulmer (29.54), 2:1 Nicholas Plastino (36.01)


ha riposato: HC Val Pusteria


Serie A, 42° giornata (martedì 1 febbraio 2011)


HC Interspar Bolzano - HC Val Pusteria 2:0 (1:0, 0:0, 1:0)
1:0 Giulio Scandella (9.30), 2:0 Nick Mazzolini (55.02)
Ritten Sport Renault Trucks - Aquile Pontebba 4:1 (2:0, 1:1, 1:0)
1:0 Daniel Tudin (1.16), 2:0 Roland Ramoser (11.58), 3:0 Nick Dechenes (25.26), 3:1 Patrick Rizzo (30.36), 4:1 Kevin Baker (41.23)
SHC Fassa - Tegola Canadese Alleghe 4:3 d.t.r. (1:0, 1:3, 1:0, 0:0)
1:0 Stefano Margoni (16.01), 1:1 Peter Sarno (21.56), 1:2 Daniele Veggiato (31.10), 2:2 Stefano Margoni (37.15), 2:3 Manuel De Toni (38.47), 3:3 Bradley Smith (52.59), 4:3 rigore decisivo: Dominic Perna
Arce Valpellice - Supermercati Migross Asiago 6:3 (2:2, 1:1, 3:0)
0:1 Layne Ulmer (5.42), 1:1 Alex Nikiforuk (9.53), 1:2 Layne Ulmer (10.43), 2:2 Florian Runer (15.00), 2:3 David Borrelli (32.37), 3:3 Patrick Iannone (36.18), 4:3 Patrick Iannone (47.04), 5:3 Alex Nikiforuk (54.44), 6:3 Ryan Mc Donough (58.48)


ha riposato: SG Cortina


Serie A , 43° giornata giovedi 3 febbraio 2011)


HC Val Pusteria - SHC Fassa 4:2 (1:1, 0:1, 3:0)
0:1 Derek Karl Edwardson (9.32), 1:1 Taggart Desmet (19.40), 1:2 Bradley Smith (23.15), 2:2 Robert Sirianni (46.13), 3:2 Taggart Desmet (48.02), 4:2 Christian Willeit (52.05)
Supermercati Migross Asiago - Ritten Sport Renault Trucks 5:4 d.t.s. (3:1, 1:2, 0:1, 1:0)
1:0 Matteo Tessari (4.09), 1:1 Luca Ansoldi (5.20), 2:1 Michael Henrich (8.32), 3:1 Matthew De Marchi (10.22), 3:2 Thomas Spinell (25.05), 3:3 Sami Ryhanen (29.09), 4:3 Adam Henrich (33.36), 4:4 Roland Ramoser (55.15), 5:4 Adam Henrich (63.26)
Aquile Pontebba - SG Cortina 4:2 (2:1, 0:1, 2:0)
1:0 Luca Rigoni (4.39), 2:0 Lance Stephen Monych (5.07), 2:1 Marek Posmyk (18.34), 2:2 Daniel Branda (39.53), 3:2 Shane Murrey Endicott (46.02), 4:2 Stefano Marchetti (59.53)
Tegola Canadese Alleghe - HC Valpellice Arce 6:3 (3:1, 2:0, 1:1)
0:1 Ryan Mc Donough (5.36), 1:1 Vincent Rocco (6.42), 2:1 Darrel Scoville (8.36), 3:1 Manuel De Toni (18.06), 4:1 Manuel De Toni (26.50), 5:1 Brad Bonello (29.23), 5:2 Florian Runer (40.58), 6:2 Niklas Anger (46.10)


ha riposato: HC Interspar Bolzano


Serie A , 44° Giornata (sabato 5 febbraio 2011)


SHC Fassa - HC Interspar Bolzano 2:1 d.t.r. (0:1, 1:0, 0:0, 0:0)
0:1 Anton Bernard (9.34), 1:1 Jean Francoise Caudron (31.57), 2:1 rigore decisivo Bradley Smith
HC Valpellice Arce - HC Val Pusteria 5:2 (1:0, 2:1, 2:1)
1:0 Patrick Iannone (19.37), 1:1 Joe Jensen (29.51), 2:1 Carter Trevisani (30.09), 3:1 Francesco De Frenza (35.23), 4:1 Alex Nikiforuk (42.43), 4:2 Nate DiCasmirro (44.52), 5:2 Anthony Aquino (45.19)
Ritten Sport Renault Trucks - Tegola Canadese Alleghe 2:4 (0:1, 1:1, 1:2)
0:1 Niklas Anger (2.25), 0:2 Manuel De Toni (23.29), 1:2 Ryan Watson (24.27), 1:3 Daniele Veggiato (41.44), 1:4 Manuel Da Tos (42.18), 2:4 Benjamin Bregenzer (52.59)
SG Cortina - Migross Asiago 2:3 (1:1, 1:0, 0:2)
0:1 John Vigilante (0.52), 1:1 Jonas Johansson (8.22), 2:1 Lino De Toni (37.47), 2:2 John Vigilante (45.13), 2:3 Michael Henrich (48.37)


ha riposato: Aquile Pontebba


La classifica dopo 44 giornate:


1. HC Val Pusteria 81 punti
2. Ritten Sport Renault Trucks 74
3. Supermercati Migross Asiago 74
4. HC Interspar Bolzano 73
5. HC Valpellice Arce 59
6. Aquile Pontebba 48
7. SHC Fassa 42 (+1 partita)
8. Tegola Canadese Alleghe 39
9. SG Cortina 37

By il Feffe … inviato di RaiBobo Hockey

CineBobo n° 68: Parto col folle

6 febbraio 2011

Image Hosted by ImageShack.us
Parto col folle
Voto: 7 e 1/2

Cast: A Robert Downey Jr., Zach Galifianakis, Juliette Lewis, Michelle Monaghan, Jamie Foxx, Danny McBride, Alan Arkin, Matt Walsh, James Martin Kelly, Rhoda Griffis, Mimi Kennedy, Emily Wagner, Sharon Morris, Reagan Michelle
Regia: Todd Phillips
Genere: Commedia
Durata: 100 minuti
Produzione: Stati Uniti 2010
Peter Highman (Robert Downey Jr.) diventerà padre per la prima volta. La moglie, infatti, sta per mettere al mondo il loro primo figlio e Peter ha cinque giorni per raggiungerla prima del grande evento. Quando sta per prendere il volo per Atlanta, che dovrebbe riportarlo a casa, conosce l'aspirante attore Ethan Tremblay (Zach Galifianakis), che riesce a convincere Peter a compiere il viaggio in auto insieme a lui. Questo si trasformerà in una vera e propria avventura "on the road" attraverso il paese che porterà alla distruzione di diverse auto, numerose amicizie e soprattutto all'esaurimento della pazienza di Peter.
Un film a due tempi: una prima parte molto lenta, a tratti noiosa che sembra bruciare le aspettative riposte dallo spettatore. Poi una repentina accelleratae  il film diventa commovente se si considerano le lacrime versate durante le mille risate.Scelta del cast perfetta, degna prosecuzione di "Una notte da Leoni", e alcune trovate autorali geniali. Manca, ripetiamo, il ritmo nella prima parte, e se si vuole essere critici è uno stile comico simil Boldi-De Sica rapportato alla cinematografia america. Comunque consigliatissimo!

Consigliato... a chi non sa conservare le ceneri di un caro
Sconsigliato... a chi era convinto che i cani certe cose non le facessero

Ringrazio Francesco Cava Cava  per la visione. Il riassunto della trama è a cura di FilmUp.

CineBobo n° 67: Qualunquemente

5 febbraio 2011

Image Hosted by ImageShack.us
Qualunquemente
Voto: 7

Cast: Antonio Albanese, Sergio Rubini, Lorenza Indovina, Salvatore Cantalupo, Luigi Maria Burruano, Antonio Gerardi, Gianluca Cammisa
Regia: Giulio Manfredonia
Genere: Commedia
Durata: 95 minuti
Produzione: Italia 2010
Perché Cetto La Qualunque torna in Italia dopo una lunga latitanza all'estero? E' stata una sua scelta? O qualcuno trama nell'ombra? Con lui arrivano anche una bella ragazza di colore ed una bambina di cui non riesce a ricordare il nome: la sua nuova famiglia. Al ritorno in patria Cetto ritrova il fidato braccio destro Pino e la famiglia di origine: la moglie Carmen e il figlio Melo.I vecchi amici lo informano che le sue proprietà sono minacciate da un'inarrestabile ondata di legalità che sta invadendo la loro cittadina. Le imminenti elezioni potrebbero avere come esito la nomina a sindaco di Giovanni De Santis, un "pericoloso" paladino dei diritti. Così, Cetto, dopo una lunga e tormentata riflessione in compagnia di simpatiche ragazze, non ha dubbi e decide di "salire in politica" per difendere la sua città. La campagna elettorale può cominciare...

Il film merita di essere visto: gli spunti sono talvolta geniali, Albanese in forma come mai visto prima.
Si ride, anche se meno di quanto ci si aspetta, e si riflette soprattutto perchè in questo film paga il periodo politico/culturale in cui viviamo.
Alcune scelte sono a dir poco geniali, frutto di un lavoro autorale decisamente pregievole.
Le pecche sono due: come in molte pellicole spesso il trailer si mangia gran parte delle battute chiave del film e spesso alcune scene comiche sono tirate per i capelli. Comunque promosso con buoni voti.

Consigliato... a chi diciamo... ama u pilu!
Sconsigliato... ai cultori della vecchia politica

Ringrazio Tommy e Nicola  per la visione. Il riassunto della trama è a cura di FilmUp.

La forza

4 febbraio 2011

The Arcore's nights

3 febbraio 2011

Vi prometto che per qualche giorno non parlo più di politica.. ma questa è troppo forte

Buttarla in vacca

2 febbraio 2011