Questa è RTCB radio, la web-radio che raccoglie tutte le produzioni di www.raibobo.it e www.tuttoilcalcioblog.it
Info aggiuntive sulla licenza musicale
Info e segnalazioni all'indirizzo mail radio@raibobo.it

CineBobo n° 110: Broken city

16 febbraio 2013

Image Hosted by ImageShack.us
Broken city
Voto: 6+

Cast: Mark Wahlberg, Russell Crowe, Natalie Martinez, Catherine Zeta-Jones, Jeffrey Wright, Kyle Chandler, Barry Pepper, Justin Chambers, Alona Tal, James Ransone
Regia: Allan Hughes
Genere: Thriller
Durata: 99 minuti
Produzione: USA 2013
In un ambiente corrotto e dominato dall'ingiustizia, l'ex poliziotto Billy Taggart (Mark Wahlberg) cerca di redimersi - e vendicarsi - dopo essere stato ingannato dall'uomo più potente della città di New York, il sindaco (Russell Crowe). L'incessante ricerca di giustizia di Billy, paragonabile soltanto alla sua tenacia, tipica di un uomo vissuto sempre nelle strade, lo rende inarrestabile, tanto da farlo diventare il peggior incubo del sindaco. Billy è un ex poliziotto di New York, che amava il suo lavoro e lo svolgeva al meglio, fino a quando non si è spinto troppo in là nell'indagine su un omicidio. Ora, è un detective privato che fatica ad arrivare a fine mese. A un certo punto, il sindaco gli offre l'opportunità di riottenere il distintivo e la pistola; il sindaco ritiene che sua moglie abbia una relazione ed è preoccupato che questo possa mettere a rischio la sua rielezione. Quando Billy inizia a indagare, scopre che in realtà dietro la sua indagine si nasconde ben di più di un tradimento coniugale. E' a quel punto che inizia la guerra tra il sindaco e Billy". Grazie a questo conflitto, Billy è spinto sulla strada della redenzione.

Premetto che a me i thriller politici sono sempre piaciuti una cifra. Qui tutte le pedine sembrano al loro posto: Wahlberg nel ruole del pseudo-buono, un decadente Crowe a fare il tycoon e Cathrine Zeta-Jones in forma perfetta.
Tuttavia il finale appare abbastanza scontato, decisamente troppo prevedibile e poco realistico. Tendo a non voler abusare del termine americana ma qui siamo sulla buona strada. Il cast è di quelli corposi, ma la storia appare troppo debole e quasi populista. Mi ha lasciato abbastanza deluso.

Consigliato... a chi vuole candidarsi alle prossime politiche.. visto il grado di corruzione descritto dal film
Sconsigliato... agli amanti del sogno americano

Si ringrazia Gabriele per la visione. Il riassunto della trama è a cura di FilmUp.

0 commenti: