Questa è RTCB radio, la web-radio che raccoglie tutte le produzioni di www.raibobo.it e www.tuttoilcalcioblog.it
Info aggiuntive sulla licenza musicale
Info e segnalazioni all'indirizzo mail radio@raibobo.it

La storia del poker

21 giugno 2007

Apro una rubrica sul poker... lo sport, se così lo si può definire... dei miei sogni...

Le origini del gioco del poker sono tuttora oggetto di dibattito. Assomiglia molto a un gioco persiano ed è stato probabilmente insegnato ai colonizzatori francesi di new orleans dai marinai persiani. Il nome deriva, probabilmente, dal termine francese poque (ingannare), che deriva a sua volta dal tedesco pochen. Non è chiaro se il Poker derivi direttamente da giochi con quei nomi, tuttavia viene considerato un insieme di tutti questi giochi che ne hanno influenzato lo sviluppo fino al poker che conosciamo ai giorni nostri.

La piu antica testimonianza si ha dall'attore inglese Joseph Crowel, che lo segnala nel new orleans, giocato con un mazzo di 20 carte e da 4 giocatori che scommettono su chi ha la combinazione vincente. Il primo libro è di Green Jonathan H., An Exposure of the Arts and Miseries of Gambling (G.B. Zieber, Filadelfia, 1843) che ne descrive la diffusione da li fino al mississipi dove il gioco era un comune passatempo.

Subito dopo questa diffusione si inizia ad usare il mazzo inglese con 52 carte e si ha l'introduzione del colore. Durante la guerra civile americana si hanno numerose aggiunte e le prime varianti del gioco, draw poker e Stud poker), seguite da numerose altre come il Low ball (variante in cui vince il punto più basso) o lo split pot (variante in cui a vincere il piatto sono 2 o piu giocatori. La diffusione del gioco negli altri continenti è attribuito ai militari americani.

La nuova modalita di gioco, torneo, comincia a diffondersi nei casino americani dopo il primo WSOP (Mondiale di poker che si svolge tutti gli anni a las vegas) e di li a poco si ha anche l'uscita dei primi libri di strategia come Super/System di Doyle Brunson (ISBN 1-58042-081-8) e The Book of Tells di Mike Caro (ISBN 0-89746-100-2), seguito poco dopo da The Theory of Poker di David Sklansky (ISBN 1-880685-00-0).

In america la popolarita' del poker ha un'impennata senza precedenti durante i primi anni del ventunesimo secolo con l'avvento del poker on line e l'invenzione della telecamera per le carte coperte utilizzata durante i maggiori eventi, che ha contribuito a far diventare il gioco uno sport spettacolare. Gli spettatori possono ora comprendere l'azione dei giocatori e seguire i maggiori eventi trasmessi, come il WSOP o il WPT (world poker tour), che hanno riscosso enorme successo nella tv satellitare e via cavo. Questa tendenza sta avendo riscontro anche in europa in cui l'EPT è giunto alla sua terza edizione contribuendo all'esponenziale diffusione a cui stiamo assistendo anche in italia dove sono nate le prime associazioni come Italian Rounders.

La formula di gioco utilizzata in questi casi è quella del TORNEO: il giocatore paga l'iscrizione e riceve in cambio fiches "virtuali" con le quali gioca. Finite le fiches il giocatore è eliminato. Gli ultimi ad essere eliminati sono (ovviamente in ordine inverso) i primi classificati del torneo, e si dividono in genere i soldi del montepremi (alimentato dalle iscrizioni).

Negli ultimi anni il WSOP, WPT e l'EPT hanno avuto una notevole crescita anche grazie ai numerosi satelliti organizzati on line, i quali permettono a chiunque di accedere a questi eventi che una volta erano prerogativa di pochi a causa dei costi molto elevati. I campioni del mondo del 2003 e 2004, rispettivamente Chris Moneymaker e Greg Raymer, hanno vinto la loro partecipazione al mondiale giocando un satellite on line.
Image Hosted by ImageShack.us

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Oi, achei teu blog pelo google tá bem interessante gostei desse post. Quando der dá uma passada pelo meu blog, é sobre camisetas personalizadas, mostra passo a passo como criar uma camiseta personalizada bem maneira. Até mais.