Questa è RTCB radio, la web-radio che raccoglie tutte le produzioni di www.raibobo.it e www.tuttoilcalcioblog.it
Info aggiuntive sulla licenza musicale
Info e segnalazioni all'indirizzo mail radio@raibobo.it

Simon's cat Speciale Halloween

31 ottobre 2013

Fail da elettricista

30 ottobre 2013

Lo show del ping pong

29 ottobre 2013

Parcheggi

28 ottobre 2013

Bonfire heart

27 ottobre 2013

La canzone di questa settimana è una delle hit più suonate nelle radio italiane.
L'autore è una delle voci più apprezzate del panorama internazionale, James Blunt.

Buon ascolto e buona domenica da Raibobo.it

CineBobo n° 116: Cattivissimo me 2

26 ottobre 2013

Image Hosted by ImageShack.us
Cattivissimo me 2
Voto:8

Cast(voci): Max Giusti, Arisa, Neri Marcorè
Regia: Pierre Coffin, Chris Renaud
Genere: Animazione
Durata: 98 minuti
Produzione: USA 2013
Ora che il sempre attivissimo Gru si è lasciato alle spalle una vita di super crimini per crescere Margo, Edith e Agnes, Gru, il Professor Nefario e i Minion hanno a disposizione del tempo libero. Ma proprio quando stava cominciando ad adattarsi al suo ruolo di padre di famiglia di periferia, un’organizzazione ultra segreta impegnata a combattere il male viene a bussare alla sua porta. Ora, sta a Gru e alla sua nuova partner, Lucy Wilde, scoprire il responsabile di un crimine spettacolare e offrirlo alla giustizia. Dopotutto, ci vuole l’ex più cattivo del mondo per catturare colui che concorre a prendere il suo posto...

Bello bello bello, decisamente bello! Un secondo all' altezza del primo.
Adoro gli sceneggiatori che realizzano anche la peggiore delle minchiate rendendola parte integrante di un film godibile sia da grandi che da piccini... Film comunque dalle linee molto moderne e cinematograficamente ben realizzato.Nota di merito ai Minion, di cui sono follemente innamorato. Unico neo: in Italia il film è doppiato da Arisa! Tristezza!

Consigliato... agli amanti del bsano cartoon
Sconsigliato... a coloro che appartengono alle forze del Male! ahhah

Ecco il trailer n° 1

E il n°2
Si ringrazia Pietro per la visione. Il riassunto della trama è a cura di FilmUp.

Invidia

25 ottobre 2013

Sogno sempre di riuscire a fare queste piroette!

Uno dei peggiori film della storia

24 ottobre 2013

Telefono a misura di elefante

23 ottobre 2013

Il Galaxy Note

Il pippone giornaliero

22 ottobre 2013


La quotidianità....
"Dai 12 ai 13 pipponi al giorno"

La più celebre delle piste di macchinine

21 ottobre 2013

Dico solo 2 Km

The silence

20 ottobre 2013

La canzone di questa domenica è di una interprete uscita da X-Factor UK.
Stiamo parlando di Alexandra Burke, voce molto possente, che è diventata celebre in Inghilterra con questo pezzo molto coinvolgente.

Buona domenica da Raibobo.it

Beppe Viola

19 ottobre 2013

Oggi il sito si fa serio per ricordare 31 anno dopo la sua scomparsa quello che è il mio modello di giornalista a cui ogni persona che sogna di fare quel lavoro vorrebbe assomigliare.



La filastrocca delle nuove tasse

18 ottobre 2013

da Un giorno da Pecora - Radio 2 Rai

Crisi e amore

17 ottobre 2013


Che numeri uno!

16 ottobre 2013

Voglio questa piscina

15 ottobre 2013

Il nuovo IPHONE

14 ottobre 2013

L'Anima vola

13 ottobre 2013

Una canzone tanto bella quanto delicata. Lei è Elisa e questo è il suo ultimo singolo.
Buona domenica da Raibobo.it

Il parcheggio perfetto

12 ottobre 2013

Fine di un amore

11 ottobre 2013


Che tappeto

10 ottobre 2013


Vajont 1963-2013

9 ottobre 2013

Io lo ricordo con le parole di Marco Paolini.
Per chi vuole vederlo in tv appuntamento Mercoledì 9/10 alle 23.55 su Raidue e Sabato alle 21.15 su Rai5
Parte 1

Parte 2

A dimensione di chiappa

8 ottobre 2013


Tasse

7 ottobre 2013


Fisico e Politico

6 ottobre 2013

Questa canzone nonostante i cantanti mi ispira molta fiducia.
Loro sono Luca Carboni e Fabri Fibra

Buona domenica da Raibobo.it

Bobo Talent - Willy

5 ottobre 2013

Sala Ovale 2 OTTOBRE 2013

3 ottobre 2013

di Matteo Matzuzzi

La commedia forse è finita. O forse no, chi lo sa. Certo è che ciò cui abbiamo assistito in quest'ultima settimana sfiora ogni logica, la ragione e pure la fede. Non serve essere cattolici, buddisti o musulmani. Basta essere dotati di quel minimo di intelligenza per rendersi conto che lo spettacolo andato in scena in questi giorni è al limite tra il ridicolo e il patetico. Berlusconi si è incartato su se stesso, finendo per fare una figuraccia che passerà alla storia. Si è accorto di non avere più in mano il partito, di essere stato per mesi e forse per anni in balia di una cerchia tutt'altro disinteressata di falchi con canini appuntini e ugole urlanti. Ha ricostruito Forza Italia dandole un nucleo populista à la greca, puntando su un'ex fascista (Santanché), su un ex comunista (Bondi), su un ex socialista (Verdini) e su un ex radicale (Capezzone). Il risultato non poteva che essere quello che si è visto: l'ala moderata (o cosiddetta moderata) si è allontanata. I veri forzaitalioti della prima ora (Lorenzin) hanno preso le distanze da quel consilium presidiato da Ghedini & co. che ha orientato in questi mesi le scelte del Capo. Chiariamo subito: Letta è un giovane vecchio democristiano. E’ soporifero, balla sul filo dell’insussistenza politica. Insipido, noioso, mai deciso. Il discorso "storico" con cui ha chiesto la fiducia faceva pena. Lento, con riferimenti scontati e banali, pieno di promesse e rivendicazioni fuori luogo e ingigantite. Ma l’alternativa, qual è? Andare alle urne con un sistema politico che riprodurrà la stessa e identica situazione di oggi? Siamo seri, please. Lui andava spedito, dritto per la sua strada. Tanto Verdini gli assicurava che i traditori erano solo otto. E invece, quando ha scoperto che i ribelli erano più del doppio, ha mollato. "Votiamo la fiducia", ha detto parlando a braccio in Senato. Si è umiliato e, siccome è tutt'altro che stupido, ha capito che il 2 ottobre rappresenta un'altra tappa verso l'inesorabile tramonto. Che non è la decadenza da parlamentare, sia chiaro. Si può fare benissimo politica stando fuori dalle aule. Anzi, forse è pure meglio, Grillo docet. Ma con le giravolte sul voto di fiducia a Letta, innescato da lui stesso, ha mostrato tutta la sua debolezza, la sua incapacità di governare capre e pecore del suo gregge pidiellino. E quando gli attendenti non rispondono più al capo, il destino è segnato. In negativo.

Il peggior amico dei cani

Il miglior titolo sulla crisi

2 ottobre 2013


Smatrphone a blocchetti

1 ottobre 2013